Numeri e no

Lavoro da molto tempo nella più grande casa editrice d’Italia. Credo che quest’esperienza lavorativa sia iniziata con un clamoroso equivoco a causa del nome. Da “Business Intelligence Manager” a “l’Intelligence” il passo è breve: una specie di agente dell’FBI in grado di fiutare nei numeri di vendita il futuro dei libri o, peggio, il più bravo degli editor. Autorità nei numeri che mi deriva dall’aver studiato molta Matematica.
Sicché i primi anni mi stavano tutti alla larga, fatta eccezione per i dotati di sensibilità astrologica – mi vedevo attraversare i corridoi come Mosè che attraversa le acque. Perché l’editor che si rispetti ha fiducia nel suo libro e ha già avuto il suo bel daffare a sceglierlo e a curarlo, per potersi dare la pena di gioire o frustrarsi alle ragioni di un numero.
Ragioni che ho scoperto mio malgrado non essere neanche statisticamente modellabili, che rimarranno sempre oscure. Sarà stata la copertina, sarà stato l’argomento, sarà stato l’autore che non è più un astro nascente.
Ho raccolto faticosamente dati di ogni tipo tanto curiosi quanto inutili*, per arrivare a teorie tutte prima o poi puntualmente confutate: i vampiri non funzionano, i libri d’arte non vendono, i libri su Mussolini funzionano sempre…
Gli “astrologi”, come dicevo, per fortuna esistono e sono liberi: sono gli editor che ti fanno amare la loro presentazione del libro più del libro stesso o che sanno bene come funzionano i numeri, e cioè che ti dicono quello che  …  “dipende”. Sempre.

* dalle parole più frequenti nei titoli dei libri (amore, guerra, Roma) allo storico delle quote di mercato degli editori da quando i libri li stampava Gutenberg – in Italia e nell’universo mondo

Advertisements

Donne (potenti e non) dell’India

Tramedautore è un festival del teatro d’autore, quest’anno dedicato a Bangladesh-India-Pakistan-Sri Lanka. La casa editrice Metropoli d’Asia è, per il tema, sponsor degli incontri. Ho così assistito al monologo teatrale di Barbara Barbarani e alla conferenza su donne e letterature dell’India, con Manjula Padmanabhan e Urmila Chakborty.

Manjula sorseggia un bicchiere di bianco nell’attesa, sfoggia un kurta colorato, di stile occidentale, ed è tuttavia l’unica cosa di parvenza indiana, a parte i suoi tratti, con quel taglio corto dei capelli che, racconta lei, è un esempio del suo essere “diversa” dall’India. Il suo look è “unattractive” dal punto di vista dell’India ed è un segno del suo voler restare “aliena”, lei che da sempre parla solo l’inglese. Figlia di un diplomatico, vive in Svezia e arriva per la prima volta in India a 8 anni. Calcutta, una delle città più avanzate dell’India, eppure uno shock per lei. La sua vita di drammaturga e di scrittrice di science fiction è un privilegio, per lei tuttora sempre in viaggio, nel tentativo di venire a patti con “le differenze”. Manjula sceglie di restare aliena dal suo Paese d’origine e trova ironico che, appartenendo all’elite degli Hindi che vivono gran parte della vita in Occidente (lei negli USA e in UK), venga spesso chiamata a dare voce alle donne dell’India, di cui lei non conosce granché, neanche la lingua. L’inglese, contrariamente al luogo comune, che in India lo parlano tutti, non è lingua conosciuta dai più.

Urmila, “mediatrice” Italia- India, in un perfetto italiano precisa infatti che l’inglese è noto alla piccola percentuale della popolazione che pesa, che dirige il Paese. Il 68,8% della popolazione indiana, dati dell’ultimo censimento, vive nei villaggi, lontano dalle metropoli. Per conoscere l’India, bisogna ascoltarla nelle sue lingue, almeno 30 lingue, che Urmila, fiera, sostiene di parlare correttamente, con l’inglese e l’italiano.

Urmila ci racconta così del Pattachitra, antica arte pittorica (e non solo) hindu-islamica, che un gruppo di donne indiane tramandano, e rinnovano, spostando il soggetto delle rappresentazioni dai temi tradizionali del Mahabharata e del Ramayana (riverenza nel tono di voce di Urmila) ai problemi attuali, come l’HIV, tanto da essere paragonati, per forza comunicativa, al fumetto. La pittura è accompagnata al canto, gli inglesi perciò la definirebbero performance art ! Donne indiane, che non appartengono all’elite delle scrittrici in lingua inglese, si impegnano a riscattarsi e a sensibilizzare il mondo attorno a loro, quello che non legge il Sunday Observer. Urmila conclude il racconto con un esempio, l’esempio di una di queste donne costretta a mendicare dall’età di 13 anni per essere stata data in sposa a un mendicante. Conoscitrice del Pattachitra, rifiuta di sottomettersi a questo destino e riprende l’attività tanto da presenziare in qualità di rappresentante di quest’arte l’incontro con Hillary Clinton in visita ufficiale nel suo villaggio indiano.

Racconto piccolo ma grande – io non sto nella pelle dall’entusiasmo, penso alle donne indiane che ho conosciuto io – vedo intorno un tiepido ammiccare.

Manjula assiste senza aggiungere altro.

Dimenticavo, c’è stato lo spettacolo- conferenza (definito proprio così) di Barbara Barbarani che ci racconta di aver vissuto l’India autentica: non ha mica alloggiato all’Hilton. Lei ha vissuto il suo tempo da allieva di scuola Yoga negli alberghi di Rishikesh, dove non c’è l’acqua per farsi la doccia, dove fa freddo d’inverno perché ti danno la stanza al primo piano e dove gli scarafaggi volano. Incuriosita dagli annunci matrimoniali ha scoperto che in India si attribuisce una grande importanza all’oroscopo per trovare il proprio partner, che in India ci si stupisce se tu chiedi a che ora si mangia, perché l’India è un Paese povero, dove mangiare non è una certezza e dove l’acqua è una risorsa preziosa, razionata e da donare – una volta una famiglia assetata le ha chiesto l’acqua e lei ha dovuto dare loro la sua bottiglietta, svuotata in poco tempo; ha scoperto che in India i bambini non hanno neanche gli occhi per piangere tranne quelli che sono figli di papà  – una grande lezione di vita per lei che così ha smesso per un po’ – almeno per un po’ di piangere. Barbara, diplomata alla scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano, ha scoperto che d’estate in India fa un caldo umido terribile, quindi lei non consiglia di andare in India d’estate se non ci siete mai stati. Angela, l’organizzatrice insieme a Tatiana (bravissima), sostiene di non essere mai stata in India, ma che Barbara le ha fatto venire voglia di scoprire questo Paese. Lo spettacolo è finito. Se avete domande…

Frase ripetitiva ma ci sta bene a questo punto, ricorrente nell’intervento di Urmila: “L’India è l’unione delle differenze, c’è tutto in India e il contrario di tutto”. Quindi attenti a dare le cose per scontato.

Ecco il programma di tramedautore http://www.outis.it/tramedautore/?page_id=826

caste

Ieri mattina, l’argomento è l’India. Senza neanche accorgercene, qualcuno arriva a parlare di caste e il dialogo si ingolfa lì. Come se il sistema indiano delle caste fosse l’India, il suo carattere. E’ ancora una delle prime cose che viene in mente quando si pensa all’India.

Lì per lì non sono riuscita a trovare una ragione convincente per dire che no, l’India NON è le caste.

Di ritorno a casa, ore 21 circa, tram, zona centro, a Milano. Non molti italiani con me nel tram: peruviani, filippini e africani. Cinesi non ce ne saranno mai stati. Di italiani eravamo 3 su su 20. Anzi no, 1 su 20 perchè 2 erano tedeschi in vacanza.

Noi siamo un paese libero, non certo come l’India con una struttura così rigida di caste.

Voglio creare un nuovo blog

Non si capisce mai perché quando inizi a scrivere un blog ti sparisce dalla testa tutto

di tutto quello che da decenni avresti voluto scrivere.

e allora ogni cosa prende una forma depressiva sopraumana ti chiedi che cosa ci stai a fare qua, navighi sconsolato tra le varie feature del fantastico software che ti consente di pubblicare i tuoi smandruppamenti mentali e quindi ti dai al naufragio per almeno gli altri prossimi 10 anni.

quando riaprirai un nuovo blog. la vita è un ciclo dopo tutto.

nel frattempo ritorni a bearti nei tuoi *egotrip*

Egotrip

Parola nuova, nuova per me, che l’ho appresa quest’estate, “Egotrip” denota spiccata autoriflessività, autocentralità, super ovvero iper attività rivolta verso l’esaltazione della propria persona in pubblico e,

fondamentale nel significato di “Egotrip”,

contemporanea spieghettatura, annientamento, schiavitù, non semplice genuflessione, delle altre persone.

Termine in voga tra psicologi terapeuti e simili trova vasta applicazione nella descrizione dei comportamenti umani a prima vista inspiegabili.

Praticamente, un uomo affetto da egotrip è un guru non riconosciuto. un guru abusivo.